La composizione più votata

E’ la composizione della fioreria Bortolozzo la più votata

La mostra di composizioni floreali, allestita in palazzo della Loggia, è stata anche questa una delle iniziative più apprezzate dal pubblico che ha partecipato alla 38esima edizione di Noale in Fiore. Nell’arco delle due giornate di apertura sono stati circa 4 mila i visitatori che hanno ammirato le composizioni floreali realizzate da 15 fiorerie della zona ispirate dal tema scelto dalla Pro Loco: “Da una pagina sboccia il fiore: fantasie a colori”. “Quest’anno – spiega la coordinatrice Enrica Beda – abbiamo fatto scegliere ai fioristi un libro di illustrazioni per l’infanzia. Ciascuno di loro ha poi individuato un disegno specifico al quale ispirarsi per dar vita con fiori, essenze arboree e altri decori a vere e proprie opere artistiche”.

Il pubblico ha da alcuni anni la possibilità anche di esprimere il proprio gradimento votando le composizioni. Ecco i vincitori dell’edizione 2017: al primo posto con 2.187 voti la Fioreria Bortolozzo di Campocroce di Mirano, al secondo posto il Vivaio La Margherita di Noale con 1.697 voti e al terzo posto la fioreria La Rugiada di Salzano con 1.308 voti.

La composizione più votata


L’elenco degli espositori presenti alla 38esima Noale in Fiore

Ecco l”elenco degli espositori che parteciperanno domenica 9 aprile alla 38esima edizione di Noale in Fiore. Provengono in gran parte dal Veneto, ma con qualche presenza anche di altre regioni italiane. Saranno presenti nell’area fieristica sviluppata su piazza Castello, Spalti Nord, Giardini Beggio, area di Via Vecellio, piazza XX Settembre, largo San Giorgio, via Dei Novale e via Polanzani. Rappresentano tutte le tipologie del settore floro-vivaistico, tempo libero, arredo giardino ed energie rinnovabili. A ciascuno è assegnata una postazione numerata. Andateli a trovare.

MAPPA ESPOSITORI 2017

Elenco Espositori 2017


Vetrine decorate

Si rinnova la collaborazione con i commercianti del centro

Tra le novità che caratterizzano il programma della 38° edizione di Noale in Fiore c’è la rinnovata collaborazione con i commercianti del centro storico. “Riteniamo sempre più fondamentale per la buona riuscita delle iniziative che mirano a valorizzare Noale – spiega il presidente della Pro Loco, Enrico Scotton – fare gioco di squadra. E commercianti come gli esercenti, con i quali da tre anni abbiamo avviato un dialogo costante, sono i primi nostri interlocutori”.

Una prima iniziativa della rinnovata collaborazione vede gli allievi della scuola del fumetto di Treviso “Wonderlandcomics” – studenti delle scuole medie e superiori – impegnati a decorare con temi floreali le vetrine dei negozi. Il lavoro è iniziato proprio in questi giorni. “Sono circa una dozzina i ragazzi seguiti dai loro docenti che, dopo aver concordato con ogni commerciante aderente all’iniziativa – spiega Alice Zanco, coordinatrice del progetto – stanno rendendo più belle e colorate le vetrine in vista dell’appuntamento del 9 aprile”.

La scuola del fumetto di Treviso si diversifica dalle altre anche grazie al coinvolgimento dei suoi allievo in questa tipologia di eventi che arricchiscono il bagaglio culturale e pratico.

Gli allievi della “Wonderlandcomics” completeranno le loro opere pittoriche sabato 8 aprile in occasione della speciale ‘notte fiorita’, altra iniziativa nata dalla collaborazione tra Pro Loco e commercianti del centro storico di Noale, contatti anche grazie all’aiuto dell’Ascom-Confcommercio. Dalle ore 21 si potrà far festa con i ritmi danzati della Funkasin Street Band, con gli artisti di strada, visitando i negozi aperti per l’occasione fino a tardi. Un preludio della grande festa del giorno seguente.

Vetrine decorate


copertina

Noale in fiore, tutto ormai è pronto per la 38^ edizione

Noale in Fiore, la mostra mercato di fiori, piante ed alberi ad alto fusto, è giunta alla 38^ edizione. La rassegna, ideata e organizzata dalla Pro Loco, è diventata nel corso degli anni uno degli appuntamenti più attesi del comparto florovivaistico regionale, vetrina delle novità del settore, punto di riferimento per quanti desiderano acquistare piante e attrezzature da giardino.

La 38^ edizione di Noale in Fiore si svolgerà domenica 9 aprile, dall’alba al tramonto. Sui 10 mila metri quadrati espositivi che si sviluppano sulle piazze Castello e XX Settembre, oltre all’area della Rocca, agli spalti nord, a via dei Novale e via Polanzani, giardini di via Vecellio, saranno presenti circa 180 espositori che allestiranno un mercato dove sarà possibile trovare ogni varietà di piante e fiori, strumenti per il giardinaggio, arredi da giardino, macchinette agricole per il taglio dell’erba, bulbi di ogni specie. Ci sarà anche uno spazio dedicato alle energie rinnovabili (fotovoltaico, solare…).

Noale in Fiore riserverà anche quest’anno uno spazio particolare, nella contrada Ca’ Matta e all’interno della rocca, agli hobbisti che sono stati selezionati per offrire ai visitatori la possibilità di acquistare prodotti originali, frutto dell’ingegno e della creatività. Sempre in rocca saranno presenti anche alcuni produttori di erbe officinali.

Significativa anche la presenza alla rassegna noalese, dei maestri fiorai, titolari di una quindicina di fiorerie della zona che esporranno a partire dalle ore 16 di sabato 8 aprile le loro composizioni nelle sale del centrale palazzo della Loggia. Quest’anno le loro opere saranno ispirate ad alcuni libri di illustrazione per l’infanzia (“Da una pagina sboccia il fiore: fantasie a colori”).

La 38^ edizione di Noale in Fiore sarà anticipata quest’anno da una festa notturna, sabato 8 aprile, realizzata in collaborazione con i commercianti e gli esercenti del centro storico. Alle ore 21, da piazza XX Settembre prenderà avvio una passeggiata tra negozi e bar: i visitatori saranno guidati dai ritmi danzanti della Funkasin Street Band, una formazione di musicisti che suonano fiati e percussioni. Durante la “notte fiorita” i negozi rimarranno aperti e sarà possibile scoprire le decorazioni fiorite realizzate sulle vetrine dagli allievi della scuola del fumetto Wonderlandcomics di Treviso.

Noale in Fiore significa anche grande allegria. Sono dieci le formazioni musicali che durante l’intera giornata di domenica 9 aprile intratterranno in vari punti della città i visitatori. Si va dalla musica lirica al jazz, dalle cover rock alla musica popolare.

FESTA PER LE FAMIGLIE

Tra le numerose novità della 38^ edizione di Noale in Fiore ce ne sono alcune pensate soprattutto per rendere questa manifestazione sempre più accattivante per le famiglie e i bambini. Per la prima volta arriverà a Noale Pompieropoli, il villaggio gioco dei Vigili del fuoco dove i bambini potranno gratuitamente sperimentare divertendosi alcune interventi di primo soccorso. Quest’anno spazio anche ai cavalli e all’ippica, con il battesimo della sella proposto, nei giardini di via Vecellio, dal circolo Mesh di Mirano. Da non perdere poi l’appuntamento con gli artisti di strada. Sabato alle ore 18.30, nel giardino dell’artista allestito in piazza Castello dalla pro loco per ricordare il pittore noalese Egisto Lancerotto, si svolgerà lo spettacolo “Faccia di gomma” con Otto il Bassotto, artista internazionale. Sempre Otto il Bassotto, domenica 9, a partire dalle 10.30, sotto la loggetta di Largo San Giorgio presenterà lo spettacolo “FakirOtto” con repliche, mentre nei giardini Beggio si esibirà un altro artista internazionale Mario Levis con lo spettacolo “L’albero che suona la sega”.

Durante Noale in Fiore sarà possibile visitare anche le due torri medievali: quella delle campane ospita la mostra delle opere del pittore francese Michele Pochet (“Orobanche, il fiore del deserto”, in collaborazione con Ubi Jazz), quella dell’orologio ospita la mostra sul palio (in collaborazione con l’Associazione Palio di Noale).

PREMIAZIONE PER IL MIGLIOR BALCONE FIORITO

L’inaugurazione della 38^ edizione di Noale in Fiore è in programma alle ore 11.00 sul palco di piazza Castello: ad accogliere le autorità e i premiati (tra i quali i cittadini noalesi scelti per il concorso ‘il miglior balcone fiorito’) come madrina arriverà Elisa Costantini la vincitrice della Festa delle Marie 2017 accompagnata dalle altre 11 finaliste.

In occasione di Noale in Fiore il Wwf organizza due visite guidate (ore 10 e ore 15) presso l’oasi Cave di Noale alla scoperta dei fiori spontanei.

CENTINAIA DI VOLONTARI E PERSONALE IMPEGNATO

Per la buona riuscita di Noale in Fiore lavorano, oltre ai volontari della Pro Loco, supportati dagli uffici comunali, anche tante altre persone: dalle forze di polizia (Polizia municipale e Carabinieri in prima linea) ai volontari del gruppo di Protezione civile e dell’associazione nazionale Carabinieri che presidiano la viabilità e i punti più critici consentendo a migliaia di visitatori di muoversi in assoluta tranquillità.

La Pro Loco, in collaborazione con alcune associazioni di volontariato, ha disposto anche un piano parcheggi per quanti giungeranno a Noale in Fiore con la propria auto. Ma sarà possibile arrivare in città anche con il servizio di trasporto pubblico, autobus e treni. Le stazioni saranno collegate alle piazze da un trenino navetta.

IL PRESIDENTE DELLA PRO LOCO

“Organizzare una manifestazione di queste proporzioni – spiega il presidente della Pro Loco, Enrico Scotton – è un impegno assai gravoso che richiede un lungo e paziente lavoro di regia iniziato già lo scorso ottobre. E’ una fatica che facciamo volentieri per la nostra città, per gli operatori economici che attendono tutto l’anno questo appuntamento, importante anche dal punto di vista commerciale. Se il 9 aprile Noale vivrà un altro bel giorno di festa lo si deve ai tanti volontari che, in silenzio e dietro le quinte, si danno da fare mossi solo dall’amore per la propria città”.

IL SINDACO DI NOALE

“Noale in fiore – spiega il sindaco Patrizia Andreotti – è uno degli eventi più belli e partecipati tra i tanti offerti dalla nostra città: è inevitabile farsi coinvolgere dai colori e dalla musica che nel corso della giornata riempiono piazze e contrade. Ma la festa dei fiori in tutti questi anni ha contagiato anche i residenti che sempre più ornano i loro balconi e giardini con fiori e piante. Mi auguro che questa sensibilità per la bellezza dei fiori diventi sempre più anche rispetto per le aree verdi e i giardini della nostra città. Grazie di cuore a quanti si adoperano perché ogni anno insieme alla primavera arrivi anche questa straordinaria festa”.

scaricapdfcartellastampa

copertina


La rosa dogaressa

Dedicato alle rose il salotto naturalistico di “Noale in fiore”

Sarà dedicato alle rose il salotto naturalistico che la Pro Loco promuove anche quest’anno all’interno del programma della 38^ edizione di Noale in fiore. L’incontro, previsto venerdì 31 marzo, sarà ospitato nel salone dell’hotel Due Torri Tempesta. Ospite d’eccezione sarà Carlo Pagani, garden designer e fra i più famosi esperti botanici d’Italia. Direttore dell’Alta scuola di giardinaggio Flora 2000 a Budrio (Bo), da anni conduce una rubrica sul canale satellitare 418 “Leonardo” nel quale tiene piccole lezioni di giardinaggio applicato. Pagani è autore, tra le altre opere, del libro “Rose perdute e ritrovate” scritto insieme a Mimma Pallavicini.

Il salotto naturalistico “Aspettando Noale in fiore” sarà arricchito dagli interventi di Lucio Gianni, referente del progetto “Ville, giardini e rose” che presenterà il caso della “Dogaressa”, la rosa ultima creazione di Giulio Pantoli, maggiore ibridatore italiano vivente. Una rosa, che dovrebbe diventare simbolo delle ville della Riviera del Brenta e della Terra dei Tiepolo, di color rosa, il cui nome è risultato dal concorso rivolto agli studenti della Riviera. Il fiore molto profumato è stato utilizzato anche per dare vita ad un profumo del quale parlerà il chimico industriale dott. Fabrizio Zago.

La serata sarà allietata dalle musiche interpretate da Giacomo Grespan e G. Claudio Di Giorgio e dalle letture di testi letterari proposti da Michela Trevisan. “Vi condurremo in un viaggio tra passato e futuro – assicura il presidente della Pro Loco, Enrico Scotton -, guidati per mano da esperti, inebriati dal profumo del fiore, tra musica e poesia. Concludendo, dulcis in fundo, con un assaggio di pasticceria sempre in tema di rose creato dalla pasticceria KoSìdolce di Moniego”. Si consiglia la prenotazione: info@proloconoale.it.

Scarica il volantino della serata

La rosa dogaressa


programma noale in fiore 2017

Noale in fiore: il programma completo della 38^ edizione

E’ iniziato il conto alla rovescia che ci porterà domenica 9 aprile a celebrare la 38^ edizione di Noale in Fiore, la mostra-mercato di fiori, piante ed alberi ad alto fusto. Sono attesi circa 200 espositori del settore florovivaistico, provenienti da tutte le province del Veneto ma anche da altre regioni italiane.

Sono numerose le novità della 38^ edizione pensate soprattutto per rendere questa manifestazione sempre più accattivante per le famiglie e i bambini, oltre che per i tantissimi appassionati di fiori e giardinaggio. Per la prima volta arriverà a Noale Pompieropoli, il villaggio gioco dei Vigili del Fuoco dove i bambini potranno gratuitamente sperimentare divertendosi alcune interventi di primo soccorso. Quest’anno spazio anche ai cavalli e all’ippica, con il battesimo della sella proposto dal circolo Mesh di Mirano.

Un’altra ghiotta novità sarà la Notte fiorita di sabato 8 aprile organizzata in collaborazione con i commercianti e gli esercenti del centro storico di Noale. Si potranno fare acquisti fino a tardi accompagnati dalla musica della Funkasin Street Band che si esibirà a partire dalle ore 21.

Ecco il programma completo.

programma noale in fiore 2017


Assemblea dei soci

I soci in assemblea approvano il bilancio tra luci ed ombre

La Pro loco di Noale è pronta ad ampliare il suo già variegato ventaglio di eventi, puntando sempre di più alle famiglie. Lo ha annunciato il presidente Enrico Scotton nel corso dell’assemblea dei soci chiamati, lunedì 6 marzo, ad approvare il bilancio consuntivo. La nuova iniziativa, che va ad aggiungersi a quelle ormai consolidate della Pirola Parola (già svoltasi con grande successo di pubblico il 6 gennaio scorso), Noale in Fiore (in programma con molte novità il 9 aprile), l’Infiorata (18 e 19 giugno), Bovoeti Day (15 agosto), Veneto del Mistero (novembre), animerà le serate estive richiamando in città artisti di strada nazionali ed internazionali. La rassegna, già sperimentata e apprezzata nel corso dell’estate 2016, si chiamerà “Teatro Improbabile” e si svilupperà su 8 appuntamenti, in luglio e agosto, che interesseranno il capoluogo e le frazioni. A breve sarà presentato il manifesto dell’evento realizzato dall’illustratrice per l’infanzia Laura Michieletto.

“Il consiglio direttivo – ha spiegato il presidente – è intenzionato a raddoppiare gli sforzi per tenere alta la qualità degli eventi che animano Noale durante l’anno. Lo dobbiamo a chi crede in noi anche sostenendoci finanziariamente, come gli sponsor e gli esercenti del centro storico a cui ci siamo rivolti per far fronte alla costante riduzione dei sovvenzionamenti pubblici”. E proprio su questo fronte Scotton ha richiamato l’attenzione dei soci, rivolgendosi in particolare agli amministratori intervenuti all’assemblea, la vice sindaco Lidia Mazzetto e i consiglieri delegato Giuseppe Mattiello e Annamaria Tosatto: “In 10 anni – ha detto – abbiamo visto il contributo comunale (tra sponsor e poste a bilancio) passare da 63 mila a 4 mila euro. Ma il nostro impegno per Noale non è diminuito, anzi ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo continuato a lavorare con entusiasmo, riducendo tutte le spese possibili, sostenendo la nascita dell’associazione Palio, arrivando addirittura a rivedere il rapporto di lavoro con la nostra dipendente. Però è chiaro che se ci saranno ulteriori riduzioni saremo costretti a tagliare qualche iniziativa, perché è nostro convincimento che piuttosto di perdere in qualità è meglio ridurre in quantità, anche se rappresenterebbe per noi tutti una sconfitta”.

2016 CONSUNTIVO ENTRATE

2016 CONSUNTIVO USCITE

PREVISIONE 2017 ENTRATE

PREVISIONE 2017 USCITE

Assemblea dei soci


Scarica la foto

Artisti per un giorno: cento studenti colorano la piazza

Armati di entusiasmo e gessetti colorati, sabato 11 marzo, ad iniziare dalle ore 9 sul selciato di piazza Castello, quasi cento studenti condivideranno in pubblico le loro idee sulla complessa tematica del maltrattamento e della promozione di un rinnovato rapporto tra donne e uomini. La Pro Loco di Noale, cogliendo lo spunto della festa dell’8 marzo, dedica uno spazio esclusivo alla collaborazione con l’Istituto comprensivo “Elisabetta Betty Pierazzo”, rivolgendosi agli studenti della secondaria di primo grado per una stimolante riflessione artistica e culturale. “Vi è stata – spiega il presidente Enrico Scotton – la forte volontà di rivolgersi ai ragazzi e di renderli protagonisti di un evento che consenta loro di rendersi artisti per un giorno, guidando il loro lavoro sul filo rosso della violenza e del maltrattamento, fenomeno tanto antico quanto attuale. Siamo molto soddisfatti dell’entusiasmo dimostrato ed auspichiamo di poter essere stimolo ed occasione, in futuro, di nuove e più ampie riflessioni e manifestazioni.”

La fattiva ed appassionata collaborazione con alcune insegnanti di educazione artistica (le professoresse Gigliana Tombacco e Amanda Longo) ha permesso di elaborare un progetto che consentirà ai ragazzi di riflettere su tema di estrema delicatezza, partendo dalla drammatica figura storica di Eleonora Madrisio Della Torre (che come raccontano i documenti d’archivio fu trovata morta nel palazzo di Noale la mattina del 7 febbraio 1721), fino ad arrivare ai giorni nostri, alle tante storie quasi quotidiane di donne vittime, come lei, di maltrattamenti in famiglia.

La manifestazione si terrà nella mattina di sabato 11 marzo e vedrà i ragazzi improvvisarsi “artisti per un giorno”, avendo a disposizione tanti gessi colorati per rappresentare, sulla pavimentazione attorno al monumento di Pietro Calvi, le loro personali riflessioni sul fenomeno della violenza e le speranze di contribuire all’evolvere della coscienza sociale.

Scarica la foto


Lunedì 6 marzo convocata l’assemblea annuale dei soci

E’ convocata per lunedì 6 marzo, presso la sala consigliare di palazzo della Loggia, l’assemblea ordinaria dei soci della Pro Loco di Noale. L’assemblea si terrà alle ore 20.00 in prima convocazione e ore 21.00 in seconda convocazione. All’ordine del giorno la presentazione del bilancio consuntivo dell’anno 2016, dati economici e attività svolte e la presentazione del bilancio di previsione anno 2017 con il programma delle manifestazioni. Possono partecipare con diritto di voto i soci che abbiano rinnovato la loro iscrizione per l’anno 2017.

“L’incontro – spiega il presidente Enrico Scotton – è aperto anche ai non soci, a tutti i noalesi che hanno a cuore la propria città. La Pro Loco, con i suoi volontari, ha tra gli obiettivi principali quello di mantenere viva e attiva Noale. Ed è un associazione aperta al contributo di tutti coloro che condividono questo obiettivo”.


locandinaTalian

Viaggio alla scoperta del Talian, la lingua dei veneti in Brasile

Da anni segue con interesse il fenomeno dell’emigrazione veneta e del nord Italia in Brasile dal punto di vista culturale e linguistico. Lei è Giorgia Miazzo, docente di lingue e giornalista, e autrice del progetto “Cantando in Talian” che sarà presentato a Noale nel corso di una conferenza pubblica, venerdì 3 febbraio, alle ore 20.30, in sala San Giorgio. Il progetto mira a sensibilizzare e promuovere la tutela della lingua e della cultura italo-veneta in Brasile.

“La storia dell’emigrazione veneta a partire dal 1870 fino ai giorni nostri – spiega l’autrice – può essere rappresentata tramite il lascito dei ricordi, delle tradizioni e delle musiche. Il mio viaggio alla scoperta delle comunità oriunde permette di conoscere storie e racconti di vita che evidenziano il fenomeno degli usi e dei saperi veneti mediante la valorizzazione della cultura e della lingua del talian”. Si tratta di un lavoro decennale che ha dato vita ad una serie di pubblicazione, due in particolare saranno oggetto della conferenza: “Scoprendo il talian – Viaggio di sola andata per le Meriche” e “Cantando in talian – Imparar el talian cola musica”. La serata sarà allietata da alcuni canti popolari eseguiti dal gruppo “I Tocamì”.

L’incontro è promosso dalla Pro Loco e dall’associazione dell’Università del tempo libero di Noale.

locandinaTalian


Lotteria della Befana 2017, ecco i numeri vincenti

Nel ringraziarvi per la numerosa partecipazione alla lotteria della Pirola Parola del 6 gennaio scorso, di seguito elenchiamo i numeri dei fortunati vincitori della lotteria della Befana:
1. weekend paesaggi italiani (3 giorni) > n. 2575  (ritirato)
2. calza n.1 > n. 3675 (premio da ritirare)
3. calza n.2 > n. 3191 ( ritirato)
4. calza n.3 > n. 1445 (ritirato)
5. calza n.4 > n. 1503 (ritirato)
6. calza + libro > n. 1324 (ritirato)
7. calza + libro > n. 2611 (da ritirare)
8. calza + libro > n. 4069 (ritirato)
Ricordiamo che alle calze n. 2 e n. 3 sono abbinate due gift card del valore di 100 e 50 euro per acquisti presso Eurospar di Noale. Per chi non lo avesse ancora fatto ricordiamo che il premio può essere ritirato presso l’ufficio della Pro Loco fino al 6 febbraio nei seguenti orari: lunedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle 12; martedì e venerdì dalle 14.30 alle 17.30.


locandina

Pirola Parola, pronto il programma dell’antica festa

Pronto il programma della Pirola Parola, la rievocazione storica che venerdì 6 gennaio 2017 concluderà le festività natalizie a Noale. Il consiglio direttivo della Pro Loco ha lavorato in queste settimane per definire i dettagli della grande festa dell’Epifania, confermando la scelta di voler puntare in particolare al pubblico delle famiglie.

Oltre alla partecipazione dei carri trainati dai figuranti in costume di Borgo Treviso, Borgo Mestre, Borgo Mirano e Borgo Camposampiero, riconfermata la presenza del gruppo ciclo-storico de I Caenassi che lo scorso anno aveva suscitato grande interesse. La novità della prossima edizione della Pirola Parola sarà però la presenza del gruppo folcloristico della Pastoria di Borgo Furo, con una folta rappresentanza di zampognari e i figuranti che rievocheranno i mestieri di un tempo.

Per i bambini ci sarà una ghiotta anticipazione in piazza Castello con i giochi e le letture animate delle befane.

“Abbiamo lavorato per far sì che la manifestazione possa richiamare un pubblico sempre più numeroso – spiega il presidente Enrico Scotton – coinvolgendo non soltanto l’area della rocca, dove da alcuni anni viene realizzata la grande catasta di fascine di legna, ma anche piazza Castello e piazza XX settembre, perché sia una festa per l’intero centro storico”.

L’inizio della rievocazione è previsto per le ore 15.00 quando da piazza XX settembre partirà il corteo che raggiungerà poi piazza Castello. Da qui, al ritmo della musica suonata dal Corpo Filarmonico, raggiungerà i giardini Beggio e la rocca dove si potrà assistere alla presentazione dei Borghi, al rito dell’accensione della Pirola Parola accompagnati dai canti del gruppo I toca mi, alla lettura del ‘pronostego’ da parte del vate, all’estrazione della lotteria e infine allo spettacolo pirotecnico.

Durante l’intera giornata, in piazza Castello, sarà allestito un mercato di bancarelle in collaborazione con Veneto a Tavola.

I biglietti della lotteria, dal costo di 1,50 euro, sono in vendita presso i rappresentati dei borghi e locali e negozi del centro storico a partire dall’8 dicembre.

locandina


Albero di Natale, nessun atto razzista, solo goliardia

Nessun intento razzista. La sagoma del bambino di colore, uno dei sedici che circondano l’abete natalizio al centro di piazza xx settembre a Noale, trovata il giorno di Natale con la testa tagliata, è frutto di un incidente fortuito. La conferma è arrivata nel primo pomeriggio di oggi, quando il capitano della contrada di San Giorgio, Ruggero Vettorello, ha ammesso sul suo profilo Facebook che l’atto compiuto nella notte di Natale, quando ignoti avevano preso di mira l’abete attaccando in modo artigianale le bandiere con i colori delle sette contrade, è stato un atto di goliardia. Secondo la versione da lui riportata, un gruppo di giovani contradaioli hanno voluto in questo modo, un po’ eclatante, restituire i vessilli che erano stati rubati nel corso del palio svoltosi a giugno. “Prendiamo atto di quanto scritto pubblicamente da Vettorello – commentano il presidente della Pro Loco Enrico Scotton e dell’Associazione Palio Luigi Fregonese – ovvero che l’azione aveva solamente un intento goliardico. Questo in qualche modo ci solleva dal timore che si potesse trattare di un’azione mossa da altri intenti, e soprattutto cancella ogni matrice razzista, sentimento che non ci pare di respirare qui a Noale”.

I due presidenti, chiudendo l’episodio, invitano i ragazzi autori dell’atto goliardico a presentarsi in piazza il prossimo anno per dare una mano ad addobbare l’albero natalizio che “è e deve rimanere un simbolo di condivisione”.


albero

L’albero di Natale è e rimane simbolo di condivisione

E’ vero che l’albero di Natale è uno dei simboli che meglio rappresentano le festività natalizie perché, come ha detto Benedetto XVI, con le sue foglie sempre verdi richiama la vita che non muore, ed è vero anche che è proprio sotto l’albero che i bambini trovano i regali portati da Babbo Natale, ma è stato sicuramente un regalo inaspettato e poco gradito quello che è stato trovato sul grande albero di Natale in piazza XX Settembre a Noale.

“Non è sempre facile far comprendere il valore della tradizione, dice  il presidente della Pro Loco Enrico Scotton, e quest’anno il grande albero addobbato in piazza con l’aiuto dell’Amministrazione Comunale e il coinvolgimento dei commercianti,  era stato pensato e voluto proprio  per regalare ai bambini una atmosfera speciale in cui le mille luci potessero rappresentare speranza, luce, occasione per stare assieme, gioia di una tradizione che testimonia la sacralità della festa ma anche di tutti i bambini del mondo. Era stato pensato per loro ed abbellito con sagome lignee proprio di allegri bambini, continua Scotton, a cui abbiamo lavorato con impegno per mesi, ed il dispiacere maggiore è stato quello di aver trovato una sagoma di un bambino di colore con la testa spezzata. Ogni atto contro il patrimonio culturale (che sia esso artistico, ambientale o paesaggistico) denota sicuramente una mancanza di una coscienza del “bene comune” e una pochezza di cultura ma un gesto che toglie qualcosa a un bambino è maggiormente triste perché evidenzia un buio emozionale e la mancanza di una eredità del passato che toglie il senso di appartenenza al nostro paese”.

Si unisce a queste riflessioni anche il presidente dell’associazione Palio che ha condiviso con la Pro Loco lo stesso stupore nel trovare le bandiere delle contrade appese all’albero con grucce e ferri rudimentali, espressione di un lavoro eseguito forse con l’intento di creare una provocazione o passare qualche messaggio. “Se l’intento era quello di dire qualche cosa, dice il presidente dell’associazione Luigi Fregonese, vorremmo far sapere che questo messaggio non è arrivato perché nessun gesto contro un bambino può essere compreso e tanto meno giustificabile. Il Natale è la festa per cui si costruiscono le tradizioni famigliari che resteranno nella storia dei nostri figli ma questa responsabilità ce l’ha anche un paese nei confronti dei propri cittadini e, quanti lavorano per questo come Pro Loco, Associazione Palio, Commercianti e Comune, lo fanno proprio con lo scopo di lasciare una memoria soprattutto ai bambini che sanno rendere unico il Natale. Aver deturpato l’albero significa aver danneggiato un simbolo. Se invece lo scopo era quello di provare a minare l’armonia tra le varie associazioni, allora ci spiace per chi ci trova invece più che mai uniti nel provare tristezza e pena per chi ha organizzato questo atto”.

Concludono i due presidenti con una riflessione comune. “Chi ha trascorso la notte della Vigilia in piazza a rovinare un simbolo del Natale, sicuramente aveva un vuoto da colmare, aveva una povertà negli affetti famigliari e sicuramente non aveva né una tavola né abbracci e auguri che lo aspettavano. Aver trovato il tempo e aver avuto principalmente questo pensiero proprio la notte del Santo Natale, fa comprendere che il mondo ha bisogno di tutta la nostra attenzione e sensibilità. Ci sono persone che scappano dalla povertà, dalla paura, dal pericolo e dalla guerra e sono costretti a fuggire da quei luoghi che non lasciano speranza di vita. Ci sono persone che potrebbero vivere in pace e far nascere speranza e gioia per tutti i bambini del mondo almeno il giorno di Natale ma che non vedono questa luce nel loro cuore e che pertanto trovano tempo per fare altro. A loro, che non hanno avuto modo di donare e forse ricevere gli auguri di un Buon Natale, Pro Loco e Associazione Palio augurano Buone Feste con la speranza di portare un po’ di quella luce che il Natale è”.


volantinoa5noale

Omaggio a Lancerotto e Dal Maistro nel quaderno de L’Esde

Lancerotto può dirsi cittadino di Noale? Parte da questa domanda l’articolo della ricercatrice storica Lara Sabbadin pubblicato sul numero del periodico L’Esde fresco di stampa che sarà presentato a Noale mercoledì 7 dicembre su iniziativa della Pro Loco. Il saggio dedicato al pittore, di cui ricorre quest’anno il centenario della morte, prende spunto da quanto scrisse su di lui nel 1988 don Luigi Comacchio, che era stato per un ventennio cappellano all’ospedale di Noale. Si tratta di una lettura che evidenzia alcuni aspetti meno noti della storia di questo importante artista rivalutato agli occhi della critica dopo la partecipazione di alcune sue opere alla mostra trevigiana sull’Ottocento veneto del 2004. Lancerotto è sepolto nel cimitero di San Michele in Isola, in loculo di cui la lapide risulta senza nome alcuno. “Forse – scrive Lara Sabbadin – se dopo un secolo non esiste ancora una pinacoteca a lui intitolata, potrebbe essere un gesto di riconoscimento e rispetto almeno porvi un segno distintivo e di dignità, sottraendo l’avello da un triste anonimato”.

Dopo i saluti del sindaco Patrizia Andreotti e del presidente della Pro Loco Enrico Scotton, interverranno in sala consiliare di Palazzo della Loggia, con inizio alle ore 20.30, anche il prof. Eliseo Carraro, autore di un altro articolo pubblicato sull’Esde dal titolo “Giacomo Dal Maistro. Il cittadino, il poeta, lo storico di Noale” e Mauro Salsone, docente di storia, che si è invece dedicato a raccontare “La vera storia della stazione ferroviaria Noale – Scorzè”. I tre interventi saranno coordinati da Cosimo Moretti, presidente dell’Esde. Al termine dell’incontro la pasticceria Emozioni Golose offrirà a tutti i presenti un brindisi.

volantinoa5noale


Adviva - Realizzazione siti web