Pirola parolaUna festa d’altri tempi, con centinaia di figuranti in costume in attesa del “pronostego” del vate per l’anno nuovo.

Si svolge il 6 gennaio, per concludere il periodo natalizio e inaugurare il nuovo anno con il classico falò che attira gente di ogni età, collocato sul proscenio della Rocca medievale, uno dei luoghi più suggestivi di Noale, di recente inserita tra le «Meraviglie Italiane».

Quella di Noale è una vera e propria rievocazione di un rito propiziatorio tramandato nei secoli: dalla direzione che prenderà il fumo sarà possibile, grazie al responso del vate, conoscere il pronostico del nuovo anno.

La rievocazione é aperta dall’arrivo della Sacra Famiglia che dopo aver attraversato il fossato attorno alla Rocca su una barca in legno, raggiunge il palco condotta da un asinello. Il succedersi dei vari riti è accompagnato dalle musiche del Corpo Filarmonico di Noale e altri gruppi musicali.

La festa si conclude con l’estrazione di grandi calze ricche di doni e lo spettacolo dei fuochi d’artificio. Durante la serata non mancano mai pinza, vin brulè e cioccolata calda.

Alcuni momenti delle scorse edizioni


sito web by ego web studio