Saranno due gli eventi noalesi del festival Veneto spettacoli di Mistero 2018. A promuoverli la Pro Loco che si avvale della regia di Lara Pavanetto, Lara Sabbadin, Tommaso Ciriello e Aldo Squizzato, uno staff di tutto rilievo al quale si devono le ricerche e storie messe in scena sabato 17 e domenica 18 novembre.

Si inizia sabato 17 novembre, presso la torre delle campane (tre i turni previsti, da 1 ora ciascuno: ore 20.30, 21.30 e 22.30), quando sarà teatralizzata la storia rinvenuta nell’Archivio storico cittadino, di Domenica la Inspiritada, arrestata come strega a Noale il 25 giugno 1578. La donna che proveniva da Porta San Tommaso di Treviso affermò di essere in possesso di un anello ‘dei sette spiriti’.

Lo spettacolo itinerante di domenica 18 novembre (due turni da 2 ore: alle ore 15 e alle ore 17) toccherà, invece, luoghi diversi nelle due piazze di Noale raccontando le storie della ‘lapide del capitano’ (il problema del vagabondaggio e dei poveri nella Noale del 1700 affrontato dalla antica e misteriosa confraternita dei Battuti); della ‘cassettina misteriosa’ (ambientata nel 1550, che parla della misteriosa scomparsa dalla camera del nobile noalese Bernardo Locatello, di una piccola cassa in noce appartenente alla moglie madonna Susanna Olivi); della ‘pazzia di Vampo Tempesta’ (siamo nel 1348 e si narra della decadenza della famiglia che per più di cento anni ha governato Noale) e per finire del ‘rapimento di Cassandra’ (febbraio 1542: la giovane Cassandra Carraro di 12 anni è rapita, di notte, dal monastero delle monache benedettine di Noale). Si tratta di un tour che, partendo da palazzo della loggia, farà tappa in torre dell’orologio, chiesetta dell’Assunta, chiesetta dei Battuti e corte di palazzo Locatelli-Menegazzi (ex ospizio).

Per partecipare agli spettacoli è obbligatoria la prenotazione (che va fatta via mail all’indirizzo info@proloconoale.it) visti i posti limitati e il versamento di un contributo di 5 euro a persona (la quota include un buono per gustare castagne e vino rosso il sabato, un assaggio di torta del Mistero la domenica).

“Da alcuni anni – spiega il presidente Enrico Scotton – la Pro Loco ha voluto investire su questo festival dedicato ai luoghi leggendari e misteriosi del Veneto, forte del fatto che gli archivi di Noale sono ricchi di storie come quelle che verranno raccontate dai nostri appassionati studiosi nei due spettacoli in programma. Ed è l’occasione ancora una volta di mettere in campo le nostre migliori risorse, come il coro Thomas Tallis, i figuranti della contrada del Gato e Gruppo Tempesta, avvalendoci anche di bravi attori. Non ultime le pasticcerie che offriranno, nel pomeriggio di domenica, un assaggio delle torte realizzate appositamente per l’evento”.