E’ diventato un’autorità sul tema dei misteri grazie ai suoi libri e alla direzione del festival che ogni autunno da un decennio anima le serate di tante località del Veneto, su iniziativa della Regione e dell’Unione regionale delle Pro loco. Stiamo parlando di Alberto Toso Fei, giornalista e scrittore veneziano, discendente da una antica famiglia di vetrai di Murano che venerdì 11 settembre sarà a Noale nell’ambito della rassegna “Sotto le stelle… a parlar di Veneto” promossa dalle Pro loco del Decumano.

A Noale, sul palco di piazzetta Dal Maistro, con inizio alle ore 21.15, il moderno cantastorie parlerà di Misteri del Veneto, raccontandone uno per ciascuna delle sette province. Fate e streghe, anguàne e mazzariòli, orchi e salbanèlli, i leggendari folletti dispettosi che intrecciano le criniere dei cavalli durante la notte; e poi leggende di santi e di mostri, storie arcane di fantasmi e di omicidi, luoghi misteriosi e da scoprire. Vicende amorose belle e drammatiche al punto da divenire oggetto di alcune opere di William Shakespeare, storie antiche e moderne, dolcissime o tragiche, frutto di oltre due millenni di trasmissione orale che diventano tradizione popolare.

Esperto di storia segreta e di mistero, Toso Fei recupera nei suoi libri il patrimonio della tradizione orale per riportare il fascino delle storie perdute nei loro luoghi, sperimentando l’incontro tra le antiche leggende e le nuove tecnologie. È tradotto in più lingue. La sua graphic novel «Orientalia, mille e una notte a Venezia», illustrata da Marco Tagliapietra – è stata candidata al Premio Strega.

L’ingresso alla serata è gratuito; consigliata la prenotazione via mail a info@proloconoale.it.